Chi l'ha detta? - Libro bambini 3 anni parole buone o cattive - Libraia
Chi l’ha detta?
On 6 Giugno 2020 | 0 Comments

Libro per bambini dai 3 anni sull’importanza delle parole, l’esistenza di parole buone e cattive e l’importanza di saperle riconoscere

Parole buone o cattive, l’importanza di conoscerle

“Chi l’ha detta?” scritto da Mauro Scarpa, illustrato da Andrea Ringli e edito da Zoolibri per la collana gli illustrati.
Una bella squadra per un albo bello e tanto piacevole da leggere.

Chi l'ha detta, copertina. I cuccioli raffigurati hanno le zampe sulla bocca, indica che ci sono parole buone e parole cattive che non vanno pronunciate. La storia racconta l'importanza di saperle riconoscere

24 pagine dove una serie di animaletti tra i più amati dai bambini e dalle bambine – il riccio, il pappagallo, il criceto, il lemure (quello lì si, quello che vi è venuto subito in mente ;), il cane, il gatto, il coccodrillo e un anatroccolo – sfilano di pagina in pagina alla ricerca di colui che… l’ha detta per primo.

Parole, paroline, parolacce…

La parolaccia giunge detta ma non detta alle orecchie della mamma riccio che molla tutto per risalire alla fonte di cotanta dissennatezza.

Le pagine scorrono tra ambientazioni diverse con gli animaletti intenti nelle loro faccende preferite. Tutti sono caratterizzati e resi riconoscibili da poche parole precise e dalle illustrazioni divertenti e dai contorni ben definiti che le rendono accattivanti anche per un pubblico di piccolissimi; salvo poi scambiare il criceto per un gatto e identificare il lemure come una qualunque scimmia… ma quanto è divertente indicarli e dire a mamma cosa sono!

L’albo si apre con il gioco sempre riuscitissimo della serie di animali che si allunga ad ogni pagina ripetendo quelli precedenti, meccanismo che i bambini adorano e che rende la lettura ad alta voce ricca di sfumature divertenti.

Chi l'ha detta? pagina interna. Animali coinvolti: riccio, pappagallo, criceto e il lemure. Il testo rimanda all'uso delle parole, buone e cattive e l'importanza di saperle riconoscere

Parole buone o cattive?

Da un certo punto in poi il mistero si scioglie rivelando ai piccoli cuccioli coinvolti nella vicenda l’esistenza di parole buone, parole cattive e l’importanza di saperle riconoscere.

Mauro Scarpa si conferma uno scrittore delicato e coinvolgente, che riempie i suoi piccoli lettori delle giuste attenzioni, non lesinando parole nuove che bambini e bambine hanno il piacere di ascoltare e imparare (tu lo sapevi che i baffi del gatto si chiamano vibrisse?).

Indicato come un libro per bambini e bambine dai 3 anni, si tratta sicuramente di un albo per piccoli cuccioli abituati all’ascolto ma anche per coloro che sono ancora nella fase del cambio pagina veloce. 

Le illustrazioni di Andrea Ringli aiutano a seguire la storia anche saltando qualche parola e si prestano all’osservazione di bambini e bambine curiose disseminando le pagine di particolari che possono sfuggire al lettore adulto ma fanno felici le piccole manine indagatrici di chi legge le immagini.

Chi l'ha detta? pagina interna, particolare. Libro bambini 3 anni parole buone e cattive

 Il ritmo incalzante, una trama giocata sull’equivoco e l’imprevisto fanno di questo albo illustrato uno di quei libri che strappano sorrisi ad ogni battuta.

Mauro Scarpa mette da parte le atmosfere romantiche e un po’ nostalgiche di “Perché mio nonno ha i capelli bianchi” (lo trovi qui), edito sempre per gli illustrati di Zoolibri, confermando la sua versatilità  e sensibilità nei confronti di un pubblico che merita di crescere circondato da parole gentili (vi consiglio di andare a cercare anche le sue pubblicazioni per lettori più grandi, qui il suo Emme come).

Le mie piccole lettrici di casa lo hanno amato fin da subito.. e giunte alla parola parapiglia “Chi l’ha detta?” ha definitivamente conquistato lo scaffale basso dei libri a portata di mano per la lettura della buonanotte.

LIBRO PER BAMBINI E BAMBINE DAI 3 ANNI, PAROLE BUONE E CATTIVE, L’IMPORTANZA DI SAPERLE RICONOSCERE

Se questa recensione ti ha interessat*, aiutami a far crescere libraia.it condividendo l’articolo sui tuoi social 😉

Seguimi anche su facebook e instagram.


ACQUISTA IL LIBRO

Condividi